|2018| Con Plantae, i dispositivi partecipativi e visivi legati al mondo dell’arte contemporanea e della formazione diventano mezzi per avvicinare pubblici diversi ai temi scientifico e ambientale.

Le piante sono un elemento vitale per tutte le altre forme di vita sulla Terra. Tra i tanti “servizi ecologici” che svolgono c’è anche il contrasto all’inquinamento dell’aria e alla contaminazione di acqua e suoli. Il progetto Plantae, ideato da Climate Art Project, vuole sensibilizzare i cittadini romani sul ruolo dei vegetali nell’ecosistema e sull’importanza delle infrastrutture e delle aree verdi, anche cittadine, nella mitigazione e nell’adattamento ai cambiamenti climatici. La strategia adottata consiste nel creare un dialogo tra arte e scienza, storia e ambiente, ma anche tra cittadini comuni ed esperti, sull’importanza delle piante in relazione alla presenza dell’uomo sul territorio. Alcune piante ne diventano un emblema: il pioppo per il trattamento dei terreni contaminati da metalli pesanti, il girasole come fito-rimedio nella bonifica di uranio e radionuclidi, l’acacia per arricchire il terreno e aumentarne la capacità di degradare i contaminanti organici, le cannucce di palude per il trattamento delle acque reflue. 
ECCOM partecipa al progetto Plantae e svolge il laboratorio di storytelling “Le memorie del passato tra verde urbano e boom edilizio, il III Municipio e la riserva naturale del Parco dell’Aniene” e realizza un prodotto da diffondere attraverso Audio e video, con stralci di narrazioni di alcuni anziani del Parco delle Valli e Conca D’oro. Attraverso interviste effettuate a personaggi “chiave” del quartiere che costeggia il fiume Aniene a Montesacro si ricavano memorie, testimonianze, avvenimenti che hanno segnato le relazioni tra fiume e abitanti. Le storie fanno emergere alcuni focolai narrativi di rilievo, rispetto all’identità delle comunità del quartiere: il fiume; i luoghi significativi nelle storie personali e della popolazione; il passato come memoria, ma anche come percorso creativo verso il presente; le tradizioni come valori e come identità. Una storia è quella che racconta memorie del passato che diventano motore di un percorso di rivalutazione ambientale basato sul recupero e la conservazione del paesaggio fluviale: la comunità si adopera affinché non vadano perse le ultime tracce di una vita lungo il fiume e di una valenza ecologica che rischia di sparire; lotta per questo, opponendosi alla devastazione del cemento e delle superstrade e conquista “il Parco”, che a tutt’oggi alimenta e considera luogo restituito al quartiere, alla sua storia e ad un futuro dignitoso e sostenibile. Un’altra storia è quella che racconta la trasformazione con un rimpianto difficilmente sanabile: una comunità che scompare insieme ai luoghi. Vive il dramma della sparizione dei prati, dei campi “della libertà” e degli sfratti per far posto a nuovi palazzi e strade. Un’altra storia racconta di chi, arrivato quando già il quartiere era in trasformazione, lotta comunque per salvare residui di vita comunitaria, che ripropone bonificando una zona degradata e trasformandola in un Centro dove famiglie, anziani ed altri membri delle comunità si incontrano. Anche questa storia racconta di lotte per arrestare la cementificazione e conquistare uno spazio “gestito” semplicemente dagli anziani, che lo restituiscono non solo a loro stessi, ma ai giovani/bambini del quartiere, visionando anch’essi un futuro dignitoso per fiume e persone. 

Roma Capitale

Eureka! Roma 2018

Approfondisci

Iscriviti alla newsletter

Gruppo di lavoro

Elisabetta Falchetti
Gianluca Petrillo

Partner di progetto

Climate Art Project
Insieme per l'Aniene onlus
Scroll to Top
Torna su