news memex

MEMEX, la formazione online a cura di ECCOM

about MEMEX, la formazione online a cura di ECCOM

ECCOM cura la formazione online sulle Linee guida per la valutazione di MEMEX per i partner responsabili dei progetti pilota, in Spagna Interarts Foundation, in Portogallo Mapa das Ideais e in Francia Michael Culture e Dedale.

I tre workshop sono stati guidati da Cristina Da Milano e Pascuala Migone, un momento di formazione necessario per una migliore comprensione della metodologia e delle fasi della valutazione che verranno applicate durante lo sviluppo delle attività del progetto. Dopo la formazione arriva una delle fasi cruciali di MEMEX, ovvero la raccolta  di storie e ricordi personali relativi al patrimonio culturale locale del quartiere Ciutat Vella a Barcellonanel XIX distretto di Parigi e tra i migranti portoghesi di prima, seconda e terza generazione che vivono a Lisbona. A tal fine, verrà organizzata una serie di seminari di formazione con le comunità scelte, con particolare attenzione alle tecniche di narrazione e al ruolo della creatività come veicoli per generare narrazioni inclusive e trasformative.

MEME(MEMories and Experiences for inclusive digital storytelling) è un progetto finanziato dall’ottavo programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione – Horizon 2020, che promuove la coesione sociale affrontando le problematiche legate al patrimonio attraverso l’uso di strumenti digitali con l’obiettivo di fornire un accesso inclusivo al patrimonio culturale materiale e immateriale e facilitare le interazioni tra comunità a rischio di esclusione sociale.

Articoli più letti

Verso Dove – Iginio De Luca per Amplify

Nell’ambito del progetto Amplify, progetto che sostiene una riflessione sul futuro dell’Europa da parte di comunità sottorappresentate, ECCOM ha portato avanti un percorso di ascolto

MEMEX alla Reggia di Caserta

ECCOM ha organizzato cinque incontri laboratoriali con gli abbonati della Reggia di Caserta per raccogliere le loro memorie, esperienze e vissuti relativi al patrimonio culturale

Torna su