news memex

MEMEX, la formazione online a cura di ECCOM

about MEMEX, la formazione online a cura di ECCOM

ECCOM cura la formazione online sulle Linee guida per la valutazione di MEMEX per i partner responsabili dei progetti pilota, in Spagna Interarts Foundation, in Portogallo Mapa das Ideais e in Francia Michael Culture e Dedale.

I tre workshop sono stati guidati da Cristina Da Milano e Pascuala Migone, un momento di formazione necessario per una migliore comprensione della metodologia e delle fasi della valutazione che verranno applicate durante lo sviluppo delle attività del progetto. Dopo la formazione arriva una delle fasi cruciali di MEMEX, ovvero la raccolta  di storie e ricordi personali relativi al patrimonio culturale locale del quartiere Ciutat Vella a Barcellonanel XIX distretto di Parigi e tra i migranti portoghesi di prima, seconda e terza generazione che vivono a Lisbona. A tal fine, verrà organizzata una serie di seminari di formazione con le comunità scelte, con particolare attenzione alle tecniche di narrazione e al ruolo della creatività come veicoli per generare narrazioni inclusive e trasformative.

MEME(MEMories and Experiences for inclusive digital storytelling) è un progetto finanziato dall’ottavo programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione – Horizon 2020, che promuove la coesione sociale affrontando le problematiche legate al patrimonio attraverso l’uso di strumenti digitali con l’obiettivo di fornire un accesso inclusivo al patrimonio culturale materiale e immateriale e facilitare le interazioni tra comunità a rischio di esclusione sociale.

Articoli più letti

I Musei Welcome e il digitale

La rete dei Musei Welcome sceglie ECCOM per un percorso con gli operatori museali sull’inclusione sociale e le strategie digitali. Gli incontri, da febbraio a marzo 2021,

In Europa con Improvisa – Life in motion

Cinque partner tra Italia, Spagna, Grecia, Polonia e Slovenia per promuovere l’accesso al patrimonio culturale per giovani, migranti e comunità che vivono lontane dai centri di produzione culturale.

Torna su