sonia

Sonia Andresano firma Permesso di sosta e fermata

about Sonia Andresano firma Permesso di sosta e fermata

Il 21 Febbraio 2020 Sonia Andresano inaugura l’Atelier d’artista Permesso di sosta e fermata nell’ambito del progetto Live Museum, Live Change. L’artista ha lavorato per una settimana ai Mercati di Traiano di Roma al termine della quale inaugurerà un’installazione con dodici sedute, dodici punti di vista ed ascolto diffusi all’interno dei Mercati. Una volta seduto, il visitatore potrà ascoltare i rumori di sedie e poltrone che strusciano sul pavimento, che urtano come durante un trasloco.

Permesso di sosta e fermata
Transitiamo costantemente tra la dimensione privata e la dimensione pubblica, da un punto all’altro, dentro e fuori, in un continuo bisogno di abitare. Ci muoviamo anche quando siamo fermi, seduti.Sostare significa fermarsi in un luogo per un tempo più o meno lungo ma il tempo si muove anche quando rimaniamo immobili. Con Permesso di sosta e fermata i Mercati di Traiano si popolano di presenze provenienti da luoghi intimi e domestici. Questi oggetti: poltrone, sedie e sgabelli, dopo aver traslocato dalle case e dagli studi dei loro donatori sono giunti in aree ora autorizzate. Ma nonostante siano fermi, questi giacigli simili a sale d’attesa, continuano a spostarsi, ad andare e tornare. Rumori di sedie e poltrone che si spostano, che strusciano sul pavimento, che urtano come durante un trasloco ci conducono in un tempo sospeso, in transito.

Bio

Sonia Andresano
Nata a Salerno nel 1983, vive e lavora a Roma.Ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Roma e conseguito la laurea in Storia dell’Arte presso l’Università “La Sapienza” di Roma. Nei suoi lavori tematiche come l’attesa, il viaggio, il nomadismo e il cambiamento raccontano aspetti personali in continuo divenire. Scavando nella propria storia documenta gesti e movimenti, isolando frammenti riconducibili al prima o al dopo di un tragitto. Identità e nomadismo delineano il binomio di una poetica emotiva, una logistica movimentata tradotta attraverso oggetti, gesti e azioni che conducono inevitabilmente ad una nuova partenza. Le sue opere spaziano dalla performance, al video, alla fotografia e alla scultura.

Articoli più letti

Un augurio di buone vacanze

ECCOM vi augura buone vacanze con un’immagine del Castello di Trani, luogo della cultura meraviglioso e parte dell’indagine che ECCOM svolge per la Direzione Regionale Musei

DRIS Mobility a Berlino

Gli operatori culturali dei progetti pilota di DRIS, accompagnati dai partner e dagli artisti Susanne Schulze-Jungheim, Neset Özevin, Artur Albrecht, Rolf Kemnitzer, Anne-Sylvie König si

MEMEX al Polo Biblio-Museale di Lecce

Nell’ambito del progetto europeo MEMEX, ECCOM collabora con il Polo Biblio-museale di Lecce per coinvolgere in una serie di incontri laboratoriali i partner e le

Torna su