news 5 giugno

Live Museum, Live Change: l’inaugurazione

about Live Museum, Live Change: l’inaugurazione

Live Museum, Live Change, tra i vincitori del bando ABC – Atelier Arte Bellezza Cultura della Regione Lazio, apre le porte al pubblico il 5 giugno 2019.

I primi interventi hanno visto protagonisti gli studenti di alcuni istituti superiori romani, che alle prese con un inedito digital storytelling, sono stati in grado di restituire uno dei monumenti più belli al mondo. L’installazione ospitata nel Piccolo Emiciclo dei Mercati vuole essere una sperimentazione di nuove possibilità narrative e interpretative, fatta di supporti tecnologici, visual e video wall, una mappa interattiva con punti sonori, nuove drammaturgie e visioni, una modalità di narrazione museale dove il digitale attiva rinnovate relazioni con il luogo e la sua storia.

Con questo progetto, il Museo diventa uno spazio poroso, inclusivo, un organismo vivente dove si rinnovano i cicli vitali, i dialoghi e le relazioni tra interno ed esterno, attraverso la realizzazione di una serie di interventi per abitare i Mercati di Traiano, narrazioni plurime, nuove e aperte, affidate ad artisti ma anche alle nuove generazioni, partendo dagli studenti.

Live Museum, Live Change propone un percorso di valorizzazione che vede nella contaminazione dei linguaggi, il dialogo tra diversi saperi e le forme espressive (narrazioni, arte contemporanea, design) la possibilità di fare comunità. Un luogo che si apre così  a nuove narrazioni e relazioni tra il Museo e la città, diventando un giardino il cui ciclo di vita è in continua trasformazione, evoluzione e diversità nelle sue forme e concezioni, ricordi, interpretazioni, visioni e culture.

Live Museum, Live Change è un progetto a cura di PAV, realizzato in collaborazione con ECCOM – Idee per la Cultura, MeltingPro e Visivalab.

+ 30

Articoli più letti

Open call per progetti pilota

È online la open call di DRIS per selezionare progetti pilota interculturali capaci di valorizzare le relazioni tra il  patrimonio culturale e storico e le

La seconda fase di DRIS

Inizia con un approfondimento sul rapporto dell’arte con le strategie interculturali la seconda fase di DRIS, che prevede una serie di incontri  e visite sul

Torna su