Paestum, ECCOM realizza un nuovo dispositivo multimediale PDF Stampa E-mail
Martedì 29 Gennaio 2019 09:46
Il Parco Archeologico di Paestum (PAE) ha affidato ad ECCOM l’ideazione e la realizzazione di un dispositivo multimediale per migliorare la fruizione e l’accessibilità del parco.
Il lavoro, iniziato nel febbraio 208, è iniziato da una classificazione della tipologia e quantità dei monumenti e oggetti da inserire nello strumento di mediazione che saranno collegati tra loro a diversi livelli, mantenendo costantemente l’idea del legame indissolubile e dei flussi informativi che esistono tra il territorio.
In una seconda fase è stata realizzata una prima analisi dell’accessibilità culturale, sociale e fisica di Paestum, per capire come il nuovo dispositivo si inserisce all’interno degli strumenti, già  esistenti. A tal fine è stata effettuata anche un’analisi preliminare sui pubblici attuali del Parco Archeologico di Paestum, al fine di creare uno strumento flessibile, dinamico, personalizzabile per interessi.
L’ultima fase del progetto è invece relativa alla revisione di quattro testi relativi guide all’Ekklesiasterion e ad alcuni oggetti ad esso legati. I criteri seguiti per la revisione dei testi è stato quello dell’accessibilità, ovvero la comprensione dei contenuti, imperniata sul principio della semplificazione ma senza impoverire o banalizzare i contenuti.
Parco Archeologico Paestum
PaestumIl Parco Archeologico di Paestum (PAE) ha affidato ad ECCOM l’ideazione e la realizzazione di un dispositivo multimediale per migliorare la fruizione e l’accessibilità del parco. Il lavoro, iniziato nel febbraio 2018 è stato articolato in diverse fasi che comprendono la progettazione del nuovo strumento e la definizione delle linee guida per rendere i contenuti accessibili. 

In una fase preliminare, dunque, è stata creata una narrazione dei monumenti e oggetti messi in correlazione che evidenziano il legame e i flussi informativi che esistono tra il territorio e gli oggetti in esso rinvenuti e che si trovano nei depositi per l’attività di studio e ricerca. Il risultato di questa fase di lavoro è stata l’individuazione di punti di interesse da cui sviluppare la narrazione e i percorsi di fruizione.

In una seconda fase è stata realizzata una prima analisi dell’accessibilità culturale, sociale e fisica di Paestum, per capire come il nuovo dispositivo si inserisce all’interno degli strumenti di comunicazione, già esistenti. A tal fine è stata effettuata anche un’analisi preliminare sui pubblici attuali del Parco Archeologico di Paestum, per creare uno strumento flessibile, dinamico, personalizzabile per interessi che possa supportare la relazione con i pubblici e valutarne l'esperienza.

Nell'ultima fase del progetto sono state definite le linee guida della redazione dei contenuti che confluiranno nel nuovo strumento di mediazione. Il principio ispiratore è quello dell'accessibilità universale, ovvero rendere i contenuti fruibili da tutti, semplificando senza impoverire o banalizzare i contenuti.
 

Notizie

Europa e Rete: le parole d'ordine per affrontare la crisi post-pandemia
Giovedì 28 Maggio 2020

Immagine
Parlare di internazionalizzazione delle imprese culturali in un momento di chiusura dei confini e di incertezza sulle libertà di movimento è un atto di coraggio. Cristina Da Milano lo fa e porta l’esempio...
Leggi tutto...
Innovare Cultura. Nuovo webinar con Cristina Da Milano il 19 maggio
Lunedì 18 Maggio 2020

Immagine
Innovare nel campo della Cultura non è più solo una possibilità ma un imperativo per il futuro per tutte le cooperative del settore che hanno visto mutare improvvisamente lo scenario di riferimento. Innovare, quindi,...
Leggi tutto...
Internazionalizzazione delle imprese culturali. Webinar di Cristina Da Milano
Giovedì 14 Maggio 2020

Immagine
Il 15 maggio Cristina Da Milano conduce il webinar dal titolo Internazionalizzazione delle imprese culturali. Il ruolo di Culture Action Europe, un momento di confronto e formazione legato alle trasforamzioni del...
Leggi tutto...
Il Covid-19 e l'impatto sulla cultura, l'intervento di Cristina Da Milano su AgCult
Mercoledì 08 Aprile 2020

Immagine
Il ruolo della cultura, la necessità di un cambio di paradigma, il nostro rapporto con la tecnologia. Una riflessione ✍di Cristina Da Milano per Fabbricare Fiducia, dossier dedicato al post Covid-19 nell'ambito della...
Leggi tutto...