I giovani e i musei di arte contemporanea Stampa

Il volume "I giovani e i musei d'arte contemporanea", curato da Cristina Da Milano, Ilaria Del Gaudio, Martina De Luca, Giulia Franchi e Valentina Galloni (Ferrara, EDISAI 2011), rappresenta il punto di approdo di un progetto europeo finanziato dal Programma di Apprendimento Permanente - Sottoprogramma Grundtvig dal titolo European Museum Education and young people: a critical enquiry.
Il progetto aveva come obiettivo quello di valorizzare le esperienze più significative a livello internazionale legate all'arte e ai musei di arte contemporanea rivolte ai giovani a partire dai 16 anni, condividendo le buone pratiche identificate in differenti istituzioni e contesti.

Questo volume intende dare ulteriore visibilità alle attività e agli esiti del progetto stesso, con un'attenzione specifica alla situazione italiana: oltre quindi alle varie esperienze discusse e analizzate durante lo svolgimento del progetto, si è dato spazio in questa sede anche ad altre esperienze nazionale.

Nella prima parte del volume è trattato il tema dei giovani e dell'accesso alla cultura nel contesto europeo: in particolare, sono esposti i risultati di una ricerca avente come oggetto l'impegno dell'Unione Europea in questo settore, realizzato attraverso una serie di programmi e progetti che offrono ai giovani un ruolo di partecipazione attiva e creativa, stimolando il loro ingresso nella società e sostenendone la crescita come cittadini autonomi e consapevoli.

Nella seconda invece, dopo aver illustrato il progetto European Museum Education and young people: a critical enquiry, si è dato ampio spazio all'analisi del rapporto fra giovani e musei nella prospettiva italiana e alle esperienze pratiche realizzate per i giovani dai servizi educativi dei musei di arte contemporanea in Italia.

La pubblicazione parte dal presupposto che la cultura non solo contribuisce a creare un senso di appartenenza e di identità, ma riflette anche le diverse modalità di coesistenza all'interno della società.

Per giungere a questi obiettivi è necessario che l'accesso alla cultura sia inserito tra le priorità delle politiche culturali giovanili e che si intraprendano azioni concrete non solo per ridurre ostacoli e barriere all'accesso culturale ma anche per predisporre spazi adatti a sostenere e stimolare la creatività giovanile.
I musei, in particolare quelli di arte contemporanea, hanno le potenzialità – grazie al loro riconosciuto ruolo sociale e alla loro vocazione ad essere strumenti di apprendimento continuo, di cambiamento sociale e di dialogo interculturale e intergenerazionale - per poter dare risposte concrete a questi bisogni, per favorire e sostenere la formazione dei giovani e anche per diventare luoghi di promozione della visibilità della cultura giovanile.

Scheda del Progetto