Maria Francesca Guida entra nel CdA dell’Azienda Speciale Palaexpo Stampa
Giovedì 26 Luglio 2018 09:45
Presentato il nuovo CdA dell’Azienda Speciale Palaexpo
Presidente Cesare Pietroiusti, consiglieri Fernando Ferroni,
Duilio Giammaria, Maria Francesca Guida e Clara Tosi
Roma, 25 luglio 2018 – Presentato questo pomeriggio il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Speciale Palaexpo, a seguito del primo consiglio di insediamento. Il nuovo CdA è stato nominato con ordinanza sindacale n.123 del 17 luglio 2018. Il Presidente è Cesare Pietroiusti, i quattro Consiglieri sono Maria Francesca Guida, Fernando Ferroni, Clara Tosi e Duilio Giammaria.
I componenti del Consiglio di Amministrazione durano in carica per il periodo corrispondente al mandato della Sindaca e il loro incarico viene svolto a titolo onorifico.
Cesare Pietroiusti, il Presidente, classe ’55, si è laureato in Medicina con una tesi in clinica Psichiatrica nel 1979. Tra il 1997 e il 2000 è stato uno dei coordinatori delle residenze “Oreste” a Paliano e a Montescaglioso e nel 1999 del progetto “Oreste alla Biennale” alla 50.ma Biennale di Venezia, mentre nel 1997 a Bologna ha coordinato il convegno “Come spiegare a mia madre che ciò che faccio serve a qualcosa? Comunicazione, quotidianità, soggettività nelle nuove ricerche artistiche italiane”. Ha vinto il premio Francesca Alinovi nel 1999. A New York nel 2000 è stato co-fondatore di Nomads & Residents e, tra il 2000 e il 2001, coordinatore dei progetti e delle mostre alla Clocktower-P.S.1. È stato membro del comitato scientifico e curatore del Corso Superiore di Arte Visiva della Fondazione Antonio Ratti di Como tra il 2006 e il 2012; ha insegnato al Laboratorio delle Tecniche e delle Espressioni Artistiche dell’Università IUAV di Venezia dal 2004 al 2015, mentre dal 2009 al 2016 è stato Visiting Professor all’MFA / LUCAD, Lesley University di Boston. Tra le sue esposizioni: nel 1990 “Aperto” alla Biennale di Venezia, nel 2002 al Bloomberg Space di Londra “Things That Are Certainly Not Art”, "Paradoxycal Economy" alla Ikon Gallery di Birmingham nel 2007; nel 2017 “Self Organization” alla Fundació Joan Miró di Barcelona e, fra il 2017 e il 2018, “Take Me I’m Yours”, Hangar  Bicocca, Milano e Villa Medici, Roma.
Maria Francesca Guida, consigliera, classe ’79, è una sociologa esperta di politiche culturali urbane e di management culturale. È vicepresidente di ECCOM (Centro Europeo per l’Organizzazione e il Management culturale) e fa parte del Consiglio dell’Associazione ItaliaCamp. Dal 2013 al 2015 è coordinatore e docente del master in marketing management per la cultura allo IED – Istituto Europeo di Design, è stata docente dell’Accademia di belle arti di Roma.
Fernando Ferroni, consigliere, classe ’52, da ottobre 2011 è il Presidente dell'INFN Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Laureato in Fisica alla Sapienza Università di Roma dove dal 2000 è Ordinario di Fisica sperimentale. Attivo nella diffusione della cultura scientifica già come ricercatore e professore universitario, da quando ha assunto l’incarico di Presidente dell’INFN, riconoscendo l’importante ruolo sociale della comunicazione scientifica, e il fatto che essa sia un dovere per una pubblica istituzione, si è impegnato per il suo riconoscimento, la sua valorizzazione e il suo potenziamento nell’ambito delle attività dell’INFN. Negli anni ‘80 e ‘90 ha lavorato al CERN di Ginevra in esperimenti sui neutrini e poi all'esperimento L3. Nei primi anni '90 ha iniziato la sua collaborazione con l'esperimento BaBar a SLAC negli Stati Uniti per lo studio della violazione della simmetria CP nei decadimenti del quark ''beauty''. In seguito ha lavorato all’esperimento CUORE per la ricerca del decadimento doppio beta senza emissione di neutrini ai Laboratori INFN del Gran Sasso.
Clara Tosi, consigliera, classe ’61, architetto, è curatrice, critica e docente. È stata consigliere di amministrazione per AltaRoma dal 2010 al 2015 e Direttrice dell’Accademia di costume e moda. Ideatrice e curatrice e presidente dell’associazione A.I. artisanal intelligence, collabora con realtà fieristiche, festival e fashion week italiani e internazionali curando progetti che fondano le radici nelle arti applicate.
Duilio Giammaria, consigliere, classe ‘60. Giornalista, scrittore, documentarista, è capo redattore e autore del programma di Rai1 Petrolio. Per la Rai ha seguito e approfondito i principali avvenimenti internazionali di geopolitica. Ha creato progetti e campagne di comunicazione per istituzioni italiane (MAE) e organizzazioni internazionali, (UNESCO, WORLD BANK). Esperto e studioso di geopolitica, storia, antropologia dei paesi dell’Asia Centrale e della Cina, ha realizzato numerosi documentari premiati in festival internazionali. Nella documentaristica culturale si distingue il lavoro dedicato a Matteo Ricci che ricostruisce i rapporti storici e contemporanei tra Italia e Cina. Ha pubblicato per Feltrinelli nel 2009 “Seta e veleni, racconti dall’Asia Centrale”.

guida_2Maria Francesca Guida, vice presidente di ECCOM, è uno dei nuovi consiglieri del nuovo CdA dell’Azienda Speciale Palaexpo presentato ufficialmente il 25 luglio 2018. L'organismo, presieduto da Cesare Pietroiusti, ha tra i suoi consiglieri anche: Fernando Ferroni, Duilio Giammaria e Clara Tosi. I componenti del Consiglio di Amministrazione durano in carica per il periodo corrispondente al mandato della Sindaca e il loro incarico viene svolto a titolo onorifico. 

I cinque componenti del CdA sono l'espressione di esperienze e competenze molto diverse, background etereogenei che riflettono l'obiettivo e le ambizioni dell'amministrazione capitolina, ovvero la costruzione di un nuovo polo del contemporaneo in grado di far incontrare e valorizzare due delle forme più preziose dell’espressione umana: l’arte contemporanea e il pensiero scientifico.
Intorno al Palazzo delle esposizioni e al MACRO di Roma nascerà dunque un organismo complesso che si occuperà della programmazione e della gestione di una pluralità di luoghi e spazi nella città con un nuovo paradigma che vuole trasformare i musei 
da luogo di fruizione e contemplazione passiva a spazio di critica e produzione aperto ad artisti, ricercatori e scienziati.

Il CdA dell'
Azienda Speciale Palaexpo

Cesare Pietroiusti
, il Presidente, classe ’55, si è laureato in Medicina con una tesi in clinica Psichiatrica nel 1979. Tra il 1997 e il 2000 è stato uno dei coordinatori delle residenze “Oreste” a Paliano e a Montescaglioso e nel 1999 del progetto “Oreste alla Biennale” alla 50.ma Biennale di Venezia, mentre nel 1997 a Bologna ha coordinato il convegno “Come spiegare a mia madre che ciò che faccio serve a qualcosa? Comunicazione, quotidianità, soggettività nelle nuove ricerche artistiche italiane”. Ha vinto il premio Francesca Alinovi nel 1999. A New York nel 2000 è stato co-fondatore di Nomads & Residents e, tra il 2000 e il 2001, coordinatore dei progetti e delle mostre alla Clocktower-P.S.1. È stato membro del comitato scientifico e curatore del Corso Superiore di Arte Visiva della Fondazione Antonio Ratti di Como tra il 2006 e il 2012; ha insegnato al Laboratorio delle Tecniche e delle Espressioni Artistiche dell’Università IUAV di Venezia dal 2004 al 2015, mentre dal 2009 al 2016 è stato Visiting Professor all’MFA / LUCAD, Lesley University di Boston. Tra le sue esposizioni: nel 1990 “Aperto” alla Biennale di Venezia, nel 2002 al Bloomberg Space di Londra “Things That Are Certainly Not Art”, "Paradoxycal Economy" alla Ikon Gallery di Birmingham nel 2007; nel 2017 “Self Organization” alla Fundació Joan Miró di Barcelona e, fra il 2017 e il 2018, “Take Me I’m Yours”, Hangar  Bicocca, Milano e Villa Medici, Roma. 

Maria Francesca Guida, consigliera, classe ’79, è una sociologa esperta di politiche culturali urbane e di management culturale. È vicepresidente di ECCOM (Centro Europeo per l’Organizzazione e il Management culturale) e fa parte del Consiglio dell’Associazione ItaliaCamp. Dal 2013 al 2015 è coordinatore e docente del master in marketing management per la cultura allo IED – Istituto Europeo di Design, è stata docente dell’Accademia di belle arti di Roma.
 

Fernando Ferroni, consigliere, classe ’52, da ottobre 2011 è il Presidente dell'INFN Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Laureato in Fisica alla Sapienza Università di Roma dove dal 2000 è Ordinario di Fisica sperimentale. Attivo nella diffusione della cultura scientifica già come ricercatore e professore universitario, da quando ha assunto l’incarico di Presidente dell’INFN, riconoscendo l’importante ruolo sociale della comunicazione scientifica, e il fatto che essa sia un dovere per una pubblica istituzione, si è impegnato per il suo riconoscimento, la sua valorizzazione e il suo potenziamento nell’ambito delle attività dell’INFN. Negli anni ‘80 e ‘90 ha lavorato al CERN di Ginevra in esperimenti sui neutrini e poi all'esperimento L3. Nei primi anni '90 ha iniziato la sua collaborazione con l'esperimento BaBar a SLAC negli Stati Uniti per lo studio della violazione della simmetria CP nei decadimenti del quark ''beauty''. In seguito ha lavorato all’esperimento CUORE per la ricerca del decadimento doppio beta senza emissione di neutrini ai Laboratori INFN del Gran Sasso. 

Clara Tosi, consigliera, classe ’61, architetto, è curatrice, critica e docente. È stata consigliere di amministrazione per AltaRoma dal 2010 al 2015 e Direttrice dell’Accademia di costume e moda. Ideatrice e curatrice e presidente dell’associazione A.I. artisanal intelligence, collabora con realtà fieristiche, festival e fashion week italiani e internazionali curando progetti che fondano le radici nelle arti applicate. 

Duilio Giammaria, consigliere, classe ‘60. Giornalista, scrittore, documentarista, è capo redattore e autore del programma di Rai1 Petrolio. Per la Rai ha seguito e approfondito i principali avvenimenti internazionali di geopolitica. Ha creato progetti e campagne di comunicazione per istituzioni italiane (MAE) e organizzazioni internazionali, (UNESCO, WORLD BANK). Esperto e studioso di geopolitica, storia, antropologia dei paesi dell’Asia Centrale e della Cina, ha realizzato numerosi documentari premiati in festival internazionali. Nella documentaristica culturale si distingue il lavoro dedicato a Matteo Ricci che ricostruisce i rapporti storici e contemporanei tra Italia e Cina. Ha pubblicato per Feltrinelli nel 2009 “Seta e veleni, racconti dall’Asia Centrale”.