Raccontare gli Eroi - Laboratorio di Digital storytelling PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Febbraio 2018 07:15

lab_dig_story_2

ECCOM ha realizzato a Cagliari un “Laboratorio di digital storytelling” per i ragazzi del Liceo Classico G. Siotto Pintor (Classi coinvolte: 4°E e 4°I). Il corso, articolato in varie date dal 22 al febbraio al 16 marzo 2018, si inserisce nelle attività previste dal piano di comunicazione e marketing del complesso scultureo di Mont'e Prama che ECCOM sta curando insieme a Poliste (capofila), Cles e Ojos design.
Il digital storytelling si basa sul presupposto che le esposizioni raccontino storie sui musei stessi e sugli oggetti/esemplari e sulle culture che li interpretano. La narrazione tradizionale o digitale, quindi, può essere proposta con modalità diverse, per rinforzare le relazioni tra museo e visitatori e/o come opportunità di formazione o scambio culturale, quindi come processo e strategia di audience development.
Il percorso si è sviluppato attraverso incontri “in aula” e le visite ai Musei di Cagliari e Cabras ed all’area archeologica di Mont’e Prama.
Il laboratorio
Gli incontri si sono svolti nella sede di Poliste di Cagliari, momento fondamentale, dove le idee dei ragazzi e le nuove conoscenze acquisite hanno dato vita alle storie attraverso momenti di brainstorming e suggerimenti sulle tecniche di narrazione e scrittura creativa. Il corso ha come obiettivo quello fornire le basi teoriche e pratiche per un uso consapevole della narrazione museale come risorsa di dialogo tra il museo e pubblico.
Le esposizioni raccontano storie sui musei stessi e sugli oggetti/esemplari e sulle culture che li interpretano. La narrazione tradizionale o digitale può essere proposta con modalità diverse, per rinforzare le relazioni tra museo e visitatori e/o come opportunità di formazione o scambio culturale, quindi come processo e strategia di audience development.
La visita ai musei e al sito archeologico
La prima delle visite in programma è stata quella al Museo Archeologico di Cagliari, dove gli studenti sono stati lasciati liberi di esplorare l’ambiente e osservare le statue, mentre le due archeologhe del museo hanno arricchito la loro esperienza di conoscenze e narrazioni “esperte”.
Anche al Museo di Cabras i ragazzi sono stati accolti da due guide che hanno raccontato ai ragazzi il loro museo, mentre l’escursione al sito archeologico è stata fatta in compagnia dell’archeologo Alessandro Usai , direttore scientifico del sito archeologico di Cabras
Il lavoro finale/Le storie
In tutto sono state realizzate 23 storie con una durata massima di 2 minuti e 200 parole, con immagini e musica di supporto e la voce narrante dell’autore. I temi più ricorrenti nei Digital Storytelling prodotti parlano di guerrieri, eroi, di gente comune dei villaggi nuragici; rispetto, senso di appartenenza, continuità tra passato e presente, valori e messaggi universali.
Alcuni estratti dalle riflessioni degli studenti:
“La mia narrazione è incentrata sulle emozioni che non sono ristrette al singolo eroe, ma ad ogni momento di queste 50 ore, comprendendo sia le pause, sia le attività che … sono state un nuovo modo di relazionarsi con il passato e la società moderna”.
“Ho privilegiato l’impatto fisico e ciò che mi è stato trasmesso dalla struttura delle statue, ad esempio la loro forza e il contatto che creano con il passato”.
“Ho sentito un grande senso di appartenenza ad una cultura passata, che è comune alla mia”.

ECCOM ha realizzato a Cagliari un “Laboratorio di digital storytelling” per i ragazzi del Liceo Classico G. Siotto Pintor (Classi coinvolte: 4°E e 4°I). Il corso, articolato in varie date dal 22 al febbraio al 16 marzo 2018, si inserisce nelle attività previste dal piano di comunicazione e marketing del complesso scultureo di Mont'e Prama che ECCOM sta curando insieme a Poliste (capofila), Cles e Ojos design.

Leggi tutto...
 
Io e il mio posto nel mondo PDF Stampa E-mail
Mercoledì 27 Febbraio 2019 10:11
ECCOM è uno dei vincitori del Bando Inclusione della Regione Lazio con il progetto Io e il mio posto ne mondo. Percorsi per il benessere e il reinserimento sociale di giovani detenuti. Il progetto è rivolto a 12 giovani tra i 16 e i 24 anni di età residenti nell’Istituto di Pena Minorile di Casal del Marmo (Roma). Le attività previste sono articolate all’interno di percorsi tematici/esperienziali interconnessi, integrati ed integrabili, pensati sia per rinforzare la personalità del singolo soggetto, sia per accompagnarlo ed indirizzarlo verso un percorso lavorativo e di inclusione sociale.
Nel complesso, questi percorsi accompagnano i giovani detenuti presi in carico verso una migliore conoscenza  di sé, una ricostruzione individuale e sociale e inclusione lavorativa (Io e il mio posto nel mondo).
ECCOM: Capofila del progetto e coordinatore di tutte le linee di azione.
Naturalmente: gli operatori sociali dell’associazione si occuperanno, coordinandosi con il capofila, della presa in carico, accompagnamento ed orientamento dei giovani detenuti.
Archetipo: all’interno di uno dei percorsi previsti dal progetto, nello specifico quello relativo all’Ambiente Naturale, si occuperà in collaborazione con ECCOM i laboratori di giardinaggio e agricoltura sociale interne ed esterne all’IPM.
FlyerSound: nel percorso Ambiente culturale, l’associazione Flyersound si occuperà dei laboratori di musica strumentale, ascolto musicale guidato e composizione.
MeltingPro: si occuperà nell’ambito della Comunicazione digitale, della formazione digitale attraverso la realizzazione di laboratori di base e produzione di Digital Storytelling.
Schermata_2019-03-02_alle_14.01.37




photo-1512640122685-e77ab16ad8c3ECCOM è uno dei vincitori del bando della Regione Lazio “Presa in carico, orientamento e accompagnamento per l’inclusione sociale attiva”  POR FSE 2014-2020 con il progetto Io e il mio posto nel mondo. Percorsi per il benessere e il reinserimento sociale di giovani detenuti. Il percorso è rivolto a 12 giovani tra i 16 e i 24 anni di età residenti nell’Istituto di Pena Minorile di Casal del Marmo (Roma). Oltre ad ECCOM (capofila) gli altri partner coinvolti sono: Naturalmente, Archetipo, FlyerSound e MeltingPro.

Leggi tutto...
 
MEMEX-MEMories and EXperiences for inclusive digital storytelling PDF Stampa E-mail
Lunedì 02 Dicembre 2019 09:03
MEMEX, finanziato da Orizzonte 2020 - Programma quadro di ricerca e innovazione, promuove la coesione sociale attraverso strumenti di narrazione collaborativi e relativi al patrimonio che forniscono accesso al patrimonio culturale tangibile e immateriale per le comunità a rischio di esclusione. Il progetto implementa nuove azioni per le scienze sociali per: comprendere le esigenze di tali comunità e progettare interfacce per soddisfare le loro esigenze; creare relazioni con il pubblico attraverso strategie di partecipazione, favorendo al contempo l'inclusione delle comunità. L’obiettivo sarà raggiunto attraverso strumenti ICT innovativi che forniscono un nuovo paradigma per l'interazione con il patrimonio per tutti gli utenti finali. MEMEX creerà nuove esperienze di Realtà Aumentata assistita (AR) sotto forma di storie che intrecciano i ricordi (espressi come video, immagini o testo) delle comunità partecipanti con i luoghi / oggetti fisici che li circondano. Per raggiungere questi obiettivi, MEMEX svilupperà tecniche per collegare (semi) automaticamente le immagini ai luoghi ad esse relativi e connettersi a un nuovo Knowledge Graph (KG) opensource, che faciliterà lo storytelling. Infine, le storie verranno visualizzate su smartphone da AR in cima al mondo reale, permettendo di raccontare una narrazione avvincente. MEMEX sarà testato su tre comunità:  le donne migranti di Barcellona, ​​che sollevano la questione del genere riguardo alla loro inclusione in CH, dando loro una voce per valorizzare i loro ricordi; gli abitanti del XIX distretto di Parigi, uno dei più grandi insediamenti di immigrati di Parigi; i migranti portoghesi di prima, seconda e terza generazione che vivono a Lisbona.
The partners
• FONDAZIONE ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA, 
IT
• ECCOM, IT
• MAPILLARY AB 
ARDITI - AGENCIA REGIONAL PARA O
• DESENVOLVIMENTO DA INVESTIGACAO, TECNOLOGIA E 
INOVACAO – ASSOCIACAO, 
PT
• NOHO LIMITED, IE
• EY ADVISORY SPA , IT
• MICHAEL CULTURE , FR
• FUNDACIO INTERARTS PER A LA COOPERACIO 
CULTURAL INTERNACIONAL, ES
• MAPA DAS IDEIAS - EDICOES DE PUBLICACOES LDA, PT

LOGO_HORIZON
memex_foto

ECCOM is a MEMEX partner, (MEMories and Experiences for inclusive digital storytelling) funded by Horizon 2020, the project aims to analyze the needs of communities at risk of exclusion and design collaborative/narrative tools to improve the accessibility of cultural heritage. ECCOM takes care of the evaluation of the project.

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 6 di 39
Live Museum, Live Change, il 16 luglio ultimo appuntamento ai Mercati di Traiano
Lunedì 13 Luglio 2020

Immagine
Live Museum Live Change accoglie ancora una volta il pubblico nei Mercati di Traiano: nel pomeriggio del 16 luglio, ultimo appuntamento con le...
Leggi tutto...
IV S·· L’unico difetto è la mia assenza, l'ultimo Atelier di Live Museum, Live Change
Lunedì 13 Luglio 2020

Immagine
Claudio Beorchia si nutre dei commenti che i visitatori dei Mercati di Traiano affidano al web per scoprire il segno che il Museo lascia in chi...
Leggi tutto...
Il volume Prove di Intercultura a Quarta di copertina
Martedì 07 Luglio 2020

Immagine
Il ciclo di incontri Quarta di copertina a cura di Fondazione Fitzacarraldo e Editrice bibliografica ospita il libro Prove di intercultura, in...
Leggi tutto...
Live Museum, Live Change. il 2 luglio riaprono gli Atelier
Martedì 30 Giugno 2020

Immagine
Il 2 luglio i Mercati di Traiano riaprono le porte gli Atelier d’artista di Live Museum, Live Change. Accesso solo su prenotazione nei due turni...
Leggi tutto...
Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio Pennacchia
Martedì 30 Giugno 2020

Immagine
Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio PennacchiaIl 30 giugno Fabio Pennacchia apre l'Atelier Il peso...
Leggi tutto...

Notizie

Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio Pennacchia
Martedì 30 Giugno 2020

Immagine
Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio PennacchiaIl 30 giugno Fabio Pennacchia apre l'Atelier Il peso dell'effimera eternità, l'opera pensata per il progetto Live Museum, Live...
Leggi tutto...
Live Museum, Live Change. I Taccuini Botanici di Gaia Bellini
Lunedì 22 Giugno 2020

Immagine
Con Taccuini botanici, Gaia Bellini esplora i Mercati di Traiano e li rilegge attraverso la natura che li vive. L’artista si ispira al concetto di libro come luogo di memoria e di conservazione del reale, propone una...
Leggi tutto...
Live Museum, Live Change riparte con Dissezione Traiano
Venerdì 12 Giugno 2020

Immagine
Gli Atelier di Live Museum, Live Change ripartono oggi con Dissezione Traiano, progetto teatrale dei Nontantoprecisi. Un laboratorio di 5 incontri che coinvolgerà 30 persone in un attraversamento dei Mercati di Traiano.
Leggi tutto...
The 2020 Charter of Rome, una carta per la partecipazione alla vita culturale nelle città
Mercoledì 03 Giugno 2020

Immagine
Presentata «The 2020 Charter of Rome», progetto per difendere i diritti culturali nel mondo: un documento che punta a portare avanti una serie di impegni per il diritto alla partecipazione per la vita culturale nelle...
Leggi tutto...
Europa e Rete: le parole d'ordine per affrontare la crisi post-pandemia
Giovedì 28 Maggio 2020

Immagine
Parlare di internazionalizzazione delle imprese culturali in un momento di chiusura dei confini e di incertezza sulle libertà di movimento è un atto di coraggio. Cristina Da Milano lo fa e porta l’esempio...
Leggi tutto...