Caleidoscopio. Sguardi Cangianti PDF Stampa E-mail
Martedì 20 Novembre 2018 09:15
Caleidoscopio. Sguardi Cangianti: 27 e 28 novembre presentazione e prime attività
EVENTI
27—28 novembre 2018
corso gratuito di fotografia, new media e comunicazione digitale per giovani fra i 18 ed i 29 anni
CONDIVIDI
INFORMAZIONI
Un laboratorio fotografico pratico a contatto diretto con un giovane artista, Mohamed Keita, ed esperti del settore, per acquisire competenze e capacità nell’ambito della comunicazione e dei nuovi new media, spendibili in ambito espressivo e lavorativo.
I giovani partecipanti saranno coinvolti in attività pratiche di laboratorio e visite di esplorazione del territorio attraverso i linguaggi del contemporaneo, diventando protagonisti attivi della creatività. Saranno supportati da un artista-tutor loro pari, Mohamed Keita, e dai giovani educatori del Centro Pecci e delle cooperative Il Cenacolo e Pane&Rose. Avranno inoltre l’opportunità di seguire workshop di approfondimento tenuti dai più grandi fotografi italiani sensibili ai temi della migrazione e della memoria.
Durante il percorso i ragazzi apprenderanno tecniche di fotografia digitale e  analogica (utilizzo degli strumenti, costruzione di un racconto fotografico, fotografia sociale, street photography) e di post-produzione dell’immagine (Adobe Photoshop, Lightroom) grazie ad attività pratiche realizzate in collaborazione con Fondazione Studio Marangoni e Associazione Sedici.  Il progetto vuole coinvolgere i giovani partecipanti in un percorso di orientamento e ricerca lavoro. I partecipanti saranno infatti affiancati da un tutor insieme al quale creare un percorso formativo e/o lavorativo, attraverso colloqui individuali, un orientamento ai servizi territoriali, bilancio delle competenze, redazione del curriculum vitae e formazioni di ricerca attiva del lavoro.
Il progetto si compone di vari moduli, a cui è possibile partecipare iscrivendosi ai singoli workshop, o seguendo l’intero percorso (novembre 2018-giugno 2019).
Per le ragazze e i ragazzi che seguiranno l’intero percorso, è prevista la creazione di un portfolio delle attività e la realizzazione di un evento finale in collaborazione con Officina Giovani Prato, che restituirà al pubblico il punto di vista dei partecipanti. Grazie a questo evento, realizzato con i tutor di progetto, i ragazzi acquisiranno competenze tecniche in ambito comunicazione e new media, mettendosi in gioco direttamente e sperimentando sul campo le competenze acquisite.
Il 27 e il 28 novembre presso il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato sarà possibile scoprire il programma completo del corso, conoscere i tutor coinvolti e sperimentare le prime attività.
Il programma
27 novembre 2018 :
10.00-13.00: presentazione attività e partner e sportello di orientamento al percorso
14.00-18.00: primo laboratorio fotografico con Mohamed Keita
18.30-20.00: inaugurazione della mostra di Mohamed Keita presso Centro Pecci
28 novembre 2018:
10.00-13.00: introduzione all’uso delle camere digitali con Mohamed Keita
14.00-18.00: laboratorio fotografico con Mohamed Keita
Narrazioni, Sguardi, Incontri
Chi: giovani 18-29 anni che non studiano e non lavorano
Cosa: Corso pratico di Fotografia digitale e analogica, Post-produzione, Social media, Digital Storytelling, Project work e portfolio, Tutoring e Orientamento
Quando: Percorso completo: Novembre-Giugno 2019
Scopri il calendario dei singoli moduli il 27 novembre dalle 10 alle 20 presso Centro Pecci
Dove: Centro Pecci e Città di Prato
Perché: perché è un corso pratico, per condividere il tuo punto di vista con foto e video, perché i tutor sono giovani come te, per acquisire nuove competenze spendibili, per realizzare i tuoi progetti....
Caleidoscopio. Sguardi cangianti è un progetto realizzato da Associazione Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci e Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana, in collaborazione con Comune di Prato, Cooperativa il Cenacolo,  Cooperativa Pane e Rose, Fondazione Studio Marangoni, Associazione SEDICI e ECCOM, vincitore del bando Prendi Parte! Agire e pensare creativo ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per promuovere l’inclusione culturale dei giovani nelle aree caratterizzate da situazioni di marginalità economica e sociale.

still-caleidoscopio_1ECCOM è uno dei partner del progetto Caleidoscopio. Sguardi Cangianticorso di fotografia, new media e comunicazione digitale per giovani fra i 18 ed i 29 anni in situazioni di marginalità economica e sociale. L'obiettivo quello di fornire competenze e capacità nell'ambito della comunicazione e dei nuovi new media, spendibili in ambito espressivo e lavorativo. ECCOM si occuperà del monitoraggio e della valutazione del progetto in tutte le sue fasi.

 

I partecipanti saranno saranno supportati in tutte le attività da un artista-tutor loro pari, Mohamed Keita, e dai giovani educatori del Centro Pecci e delle cooperative Il Cenacolo e Pane&Rose

Tra le attività previste:

- Attività pratiche di laboratorio e visite di esplorazione del territorio attraverso i linguaggi del contemporaneo
- Workshop di approfondimento tenuti dai più grandi fotografi italiani sensibili ai temi della migrazione e della memoria
- Laboratori e formazione sulle tecniche di fotografia digitale e analogica (utilizzo degli strumenti, costruzione di un racconto fotografico, fotografia sociale, street       
  photography) e di post-produzione dell’immagine (Adobe Photoshop, Lightroom)
- Laboratorio di comunicazione e promozione di eventi in preparazione dell'evento finale di restituzione

Il progetto è pensato per coinvolgere i partecipanti in un percorso di orientamento e ricerca lavoro affiancati da un tutor. Il percorso formativo e/o lavorativo, viene definito attraverso colloqui individuali, un orientamento ai servizi territoriali, bilancio delle competenze, redazione del curriculum vitae e formazione sulla ricerca attiva del lavoro. Sguardi cangianti si compone di vari moduli, a cui è possibile partecipare iscrivendosi ai singoli workshop, o seguendo l’intero percorso (novembre 2018-giugno 2019).

ECCOM è responsabile di tutte le attività di monitoraggio e valutazione che riguarderanno sia le singole azioni che il progetto analizzato in un’ottica sistemica, con specifico riferimento alle metodologie adottate, i risultati sperati e raggiunti, le modalità di coinvolgimento dei target e di community engagement, i livelli di partecipazione, le collaborazioni avviate, l’espansione della rete, l’impatto psico-comportamentale del progetto culturale, livello di benessere soggettivo e sociale dalla fruizione dell’attività. 

Sguardi cangianti 
si compone di vari moduli, a cui è possibile partecipare iscrivendosi ai singoli workshop, o seguendo l’intero percorso (novembre 2018-giugno 2019).


Programma

Presentazione e prime attività
27 e il 28 novembre presso il Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato

27 novembre 2018 :

10.00-13.00: presentazione attività e partner e sportello di orientamento al percorso

14.00-18.00: primo laboratorio fotografico con Mohamed Keita

18.30-20.00: inaugurazione della mostra di Mohamed Keita presso Centro Pecci 

28 novembre 2018:

10.00-13.00: introduzione all’uso delle camere digitali con Mohamed Keita

14.00-18.00: laboratorio fotografico con Mohamed Keita


Partner

Associazione Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci
Fondazione per le Arti Contemporanee in Toscana
Comune di Prato
Cooperativa il Cenacolo
Cooperativa Pane e Rose
Fondazione Studio Marangoni
Associazione SEDICI
ECCOM  

Sguardi Cangianti è vincitore del bando Prendi Parte! Agire e pensare creativo ideato dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane (DGAAP) del Mibac. 


 
Buona estate!
Venerdì 07 Agosto 2020

Immagine
I nostri uffici saranno chiusi dal 10 al 23 agosto.Buona estate da tutti noi!Illustrazione di Valenzia Lafratta
Musei emotivi, l'intervento di Cristina Da Milano sul post Covid-19
Giovedì 30 Luglio 2020

Immagine
Scientifico MuseiEmotivi abbiamo iniziato a riflettere tra noi sulle sorti del museo e deciso di ascoltare i partecipanti delle cinque edizioni....
Leggi tutto...
Fabulamundi Effects. A European digital storytelling
Martedì 28 Luglio 2020

Immagine
Bando di selezione workshop FABULAMUNDI EFFECTS a european digital storytelling Nell’autunno 2020 Fabulamundi Playwriting Europe arriverà a...
Leggi tutto...
Live Museum, Live Change, il 16 luglio ultimo appuntamento ai Mercati di Traiano
Lunedì 13 Luglio 2020

Immagine
Live Museum Live Change accoglie ancora una volta il pubblico nei Mercati di Traiano: nel pomeriggio del 16 luglio, ultimo appuntamento con le...
Leggi tutto...
IV S·· L’unico difetto è la mia assenza, l'ultimo Atelier di Live Museum, Live Change
Lunedì 13 Luglio 2020

Immagine
Claudio Beorchia si nutre dei commenti che i visitatori dei Mercati di Traiano affidano al web per scoprire il segno che il Museo lascia in chi...
Leggi tutto...

Notizie

Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio Pennacchia
Martedì 30 Giugno 2020

Immagine
Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio PennacchiaIl 30 giugno Fabio Pennacchia apre l'Atelier Il peso dell'effimera eternità, l'opera pensata per il progetto Live Museum, Live...
Leggi tutto...
Live Museum, Live Change. I Taccuini Botanici di Gaia Bellini
Lunedì 22 Giugno 2020

Immagine
Con Taccuini botanici, Gaia Bellini esplora i Mercati di Traiano e li rilegge attraverso la natura che li vive. L’artista si ispira al concetto di libro come luogo di memoria e di conservazione del reale, propone una...
Leggi tutto...
Live Museum, Live Change riparte con Dissezione Traiano
Venerdì 12 Giugno 2020

Immagine
Gli Atelier di Live Museum, Live Change ripartono oggi con Dissezione Traiano, progetto teatrale dei Nontantoprecisi. Un laboratorio di 5 incontri che coinvolgerà 30 persone in un attraversamento dei Mercati di Traiano.
Leggi tutto...
The 2020 Charter of Rome, una carta per la partecipazione alla vita culturale nelle città
Mercoledì 03 Giugno 2020

Immagine
Presentata «The 2020 Charter of Rome», progetto per difendere i diritti culturali nel mondo: un documento che punta a portare avanti una serie di impegni per il diritto alla partecipazione per la vita culturale nelle...
Leggi tutto...
Europa e Rete: le parole d'ordine per affrontare la crisi post-pandemia
Giovedì 28 Maggio 2020

Immagine
Parlare di internazionalizzazione delle imprese culturali in un momento di chiusura dei confini e di incertezza sulle libertà di movimento è un atto di coraggio. Cristina Da Milano lo fa e porta l’esempio...
Leggi tutto...