Inaugurata a Taranto "Radicati", opera di Alice Padovani PDF Stampa E-mail
Mercoledì 11 Luglio 2018 13:08
Il 10 luglio 2018 abbiamo inaugurato Radicati, un’opera realizzata da Alice Padovani nell’ambito della residenza artistica Le radici esposte ospitata dal MuDI - Museo Diocesano d’arte Sacra di Taranto dal 5 al 10 luglio 2018. Il progetto della Padovani si inserisce in #WeAreTaranto, il nostro programma di residenze artistiche che ha l’obiettivo di mettere a sistema il beni culturali della città di Taranto. Il primo intervento, Paesaggio indeciso, è stato realizzato dall’artista romana Guendalina Salini, mentre gli altri spazi che aderiscono all’iniziativa sono quelli scelti per la call di Public Scape Taranto.
Un ruolo fondamentale nella realizzazione di Radicati è stato affidato alla comunità di Taranto, che nei giorni precedenti all’inaugurazione è stata invitata dall’artista a donare piccoli oggetti da incastonare tra le radici di un albero, oggetti, che anche se privi di valore reale, rappresentano nelle intenzioni della Padovani: “una memoria personale e o collettiva, come un ex-voto deve simboleggiare un istante, un sentimento, un desiderio, un’intenzione.”
Per Alice Padovani, mostrare le proprie radici significa mettere a nudo se stessi: ”esporre allo sguardo altrui il lato più vulnerabile e personale, l’angolo dove sono custoditi ricordi e ombre, tesori e dolori. Come un albero capovolto che mostra le proprie radici, ci capita di mostrare la nostra parte più vera, quando parliamo al mondo della nostra memoria.”.
Alice è un'artista eclettica che si esprime attraverso la performance, il disegno o opere site specific come Radicati, che si inserisce perfettamente nel solco dei suoi lavori precedenti, tutti animati da un’intensa ricerca della memoria che prende forma attraverso le sue “collezioni” di oggetti, al contempo, cumuli e tracce da seguire.
Radicati sarà ubicata all’interno del chiostro del MuDI, diventando parte del museo, anch’esso contenitore e custode del patrimonio culturale e religioso della città di Taranto.
La pianta usata per assemblare l’opera è un albero di ficus australis, lungo più di tre metri, particolarmente tortuoso e ramificato, con radici aeree che partono dal tronco e dai rami per tornare a terra rafforzando così la propria stabilità. L’albero è stato donato dall’agronomo e vivaista Lino Scarati di Progetto Natura, azienda specializzata in progettazione e realizzazione di aree verdi, interventi di recupero e valorizzazione del paesaggio.
Ieri a dialogare con Radicati, sempre per il ciclo #WeAreTaranto, c'erano i Paesaggi inversi di Giuseppe Vultaggio, la ricerca di una città diversa, immaginaria, ma reale, che vive però solo nei riflessi degli specchi che l'artista usa nella sua performance.
Biografia Alice Padovani
Laureata in Filosofia e in Arti Visive, dalla metà degli anni ‘90 al 2012 si forma e lavora come attrice e regista nell’ambito del teatro contemporaneo. Parallelamente, preferendo l'utilizzo del disegno, dell'installazione e della performance, sviluppa un proprio percorso di artista visiva che unisce alla spontaneità dell’impulso creativo al rigore del metodo scientifico. Passando attraverso installazioni vegetali, assemblaggi entomologici e performance agite con insetti vivi, nelle sue opere propone frammenti di una natura decontestualizzata e crea collezioni che sono, al contempo, cumuli e tracce, dove la memoria naturale e quella personale si fondono per diventare il punto di origine.
6Il 10 luglio 2018 con il proeggetto Green Routes abbiamo inaugurato Radicati, un’opera realizzata da Alice Padovani nell’ambito della residenza artistica Le radici esposte ospitata dal MuDI - Museo Diocesano d’arte Sacra di Taranto dal 5 al 10 luglio 2018. Il progetto della Padovani si inserisce in #WeAreTaranto, il programma di residenze di Green Routes che ha l’obiettivo di mettere a sistema il beni culturali della città di Taranto.

Il primo intervento, Paesaggio indeciso, è stato realizzato dall’artista romana Guendalina Salini, mentre gli altri spazi che aderiscono all’iniziativa sono quelli scelti per la call di Public Scape Taranto.

Un ruolo fondamentale nella realizzazione di Radicati è stato affidato alla comunità di Taranto, che nei giorni precedenti all’inaugurazione è stata invitata dall’artista a donare piccoli oggetti da incastonare tra le radici di un albero, oggetti, che anche se privi di valore reale, rappresentano nelle intenzioni della Padovani: “una memoria personale e o collettiva, come un ex-voto deve simboleggiare un istante, un sentimento, un desiderio, un’intenzione.
Per Alice Padovani, mostrare le proprie radici significa mettere a nudo se stessi: ”esporre allo sguardo altrui il lato più vulnerabile e personale, l’angolo dove sono custoditi ricordi e ombre, tesori e dolori. Come un albero capovolto che mostra le proprie radici, ci capita di mostrare la nostra parte più vera, quando parliamo al mondo della nostra memoria.”.

Alice è un'artista eclettica che si esprime attraverso la performance, il disegno o opere site specific come Radicati, che si inserisce perfettamente nel solco dei suoi lavori precedenti, tutti animati da un’intensa ricerca della memoria che prende forma attraverso le sue “collezioni” di oggetti, al contempo, cumuli e tracce da seguire.
Radicati sarà ubicata all’interno del chiostro del MuDI, diventando parte del museo, anch’esso contenitore e custode del patrimonio culturale e religioso della città di Taranto.

Visualizza immagine
Visualizza immagine
Visualizza immagine
Visualizza immagine
Visualizza immagine
Visualizza immagine
Visualizza immagine
Visualizza immagine
Visualizza immagine


Biografia Alice Padovani
Laureata in Filosofia e in Arti Visive, dalla metà degli anni ‘90 al 2012 si forma e lavora come attrice e regista nell’ambito del teatro contemporaneo. Parallelamente, preferendo l'utilizzo del disegno, dell'installazione e della performance, sviluppa un proprio percorso di artista visiva che unisce alla spontaneità dell’impulso creativo al rigore del metodo scientifico. Passando attraverso installazioni vegetali, assemblaggi entomologici e performance agite con insetti vivi, nelle sue opere propone frammenti di una natura decontestualizzata e crea collezioni che sono, al contempo, cumuli e tracce, dove la memoria naturale e quella personale si fondono per diventare il punto di origine.
 
Art Lab 2019. Narrazioni plurali: i musei di domani
Martedì 11 Giugno 2019

Immagine
Data e ora: Giovedì, 27 Giugno, 2019 - 11:00 - 13:00 Sede: BASE Milano In italiano e inglese con servizio di traduzione simultanea Possono esistere...
Leggi tutto...
Live museum, Live Change, primo incontro ai Mercati di Traiano
Venerdì 31 Maggio 2019

Immagine
Dal 5 giugno 2019, storie digitali, mappe interattive nuove visioni per narrare un monumento in continua trasformazione Ore 17.00 Mercati di Traiano...
Leggi tutto...
Fabulamundi, inizia oggi il Mob-Pro di Vienna
Martedì 21 Maggio 2019

Immagine
Dal 21 al 23 maggio 2019 il teatro Wiener Wortstaetten ospita a Vienna ospita il MobPro, programma di formazione per drammaturghi del...
Leggi tutto...
"Prove di intercultura". si terrà al MAXXI la conferenza di Art Clicks
Giovedì 25 Aprile 2019

Immagine
Il 16 e 17 maggio 2019 il MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo ospita Art Clicks. Prove di intercultura, due giorni di confronto e...
Leggi tutto...
Inaugurato a Roma il quarto "Atelier Arte Bellezza Cultura"
Venerdì 19 Aprile 2019

Immagine
Giovedì 18 aprile i Mercati di Traiano di Roma hanno ospitato l'inaugurazione del quarto Atelier Arte Bellezza e Cultura a cura di  realizzato...
Leggi tutto...

Notizie

"Prove di intercultura". si terrà al MAXXI la conferenza di Art Clicks
Giovedì 25 Aprile 2019

Immagine
Il 16 e 17 maggio 2019 il MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo ospita Art Clicks. Prove di intercultura, due giorni di confronto e condivisione sui temi della formazione e progettazione interculturale per...
Leggi tutto...
Fabulamundi cerca ricercatore associato
Martedì 16 Aprile 2019

Immagine
Fabulamundi. Playwriting Europe è alla ricerca di una persona altamente motivata da inserire nel team come ricercatore associato per il progetto Fabulamundi Workbook: Mapping Contemporary Playwriting and Theatre...
Leggi tutto...
Lecce, il 18 aprile c'è la festa dei Musei Accoglienti
Venerdì 12 Aprile 2019

Immagine
LA FESTA DEI MUSEI ACCOGLIENTI Presentazione dei risultati del progetto MUA-Musei Accoglienti 18 Aprile 2019 | ore 18 Convitto Palmieri, 73100 Lecce Il 18 Aprile 2019, il Convitto Palmieri ospita la Festa di MUA-Musei...
Leggi tutto...
"Il museo siamo noi", la seconda residenza del progetto MUA
Venerdì 12 Aprile 2019

Immagine
Brindisi ospita “Il museo siamo noi”, residenza artistica del Collettivo noMade nell’ambito del progetto MUA-Musei Accoglienti. La residenza è articolata in due progetti in cui gli artisti coinvolgeranno artisti...
Leggi tutto...
Nuove drammaturgie per i Mercati di Traiano
Mercoledì 10 Aprile 2019

Immagine
Dal 1 al 6 aprile 2019 i Mercati di Traiano hanno ospitato due degli autori di Fabulamundi autori erano a Roma per una residenza artistica nell'ambito di Live Museum, Live Change. I due drammaturghi realizzeranno nuove...
Leggi tutto...