Fabulamundi. Playwriting Europe
PDF Print E-mail
Tuesday, 22 May 2018 07:02
There are no translations available.

A partire da marzo 2018 ECCOM entra a far parte di “Fabulamundi Playwriting Europe – Beyond Borders?”, progetto di cooperazione che coinvolge teatri, festival e organizzazioni culturali provenienti da 16 Paesi europei (Italia, Francia, Germania, Spagna, Romania, Austria, Belgio, Regno Unito, Polonia e Repubblica Ceca e con i gemellati Portogallo, Scozia, Bosnia Herzegovina, Turchia, Ungheria, Repubblica Slovacca, Islanda e Finlandia).
L’obiettivo del network è sostenere e promuovere la drammaturgia contemporanea in Europa, al fine di consolidare e potenziare le attività e le strategie degli artisti che operano nel settore, offrendo ai drammaturghi opportunità di networking e favorendo il dialogo e la crescita professionale.
ECCOM è responsabile dello sviluppo e della gestione del Work Package, ovvero una serie strumenti e percorsi di formazione per l'internazionalizzazione delle carriere dei drammaturghi e per il loro sviluppo professionale.
Gli obiettivi principali del Work Package sono:
coinvolgere tutti i drammaturghi preselezionati nelle attività di formazione
fornire una formazione professionale continua finalizzata all'internazionalizzazione della loro carriera
promuovere l'incontro, il dibattito e l'esperienza della condivisione in un'attività di di peer learning
promuovere la cooperazione e le competenze di coproduzione
definire, testare e valutare un modello di miglioramento professionale per i drammaturghi che possa essere replicato dalle organizzazioni partecipanti e diffuso a livello comunitario;
sostenere l'incontro internazionale delle organizzazioni correlate alla drammaturgia, il miglioramento professionale e il networking
Per informazioni dettagliate sul progetto visita il sito www.fabulamundi.eu
Partner
PAV (Italia) Project Leader
Festival Short Theatre (Rome)
Teatro I (Milan)
Wiener Wortstaetten (Vienna)
Culture Action Europe (Brussels)
Theatre Letí  (Prague)
La Mousson d’Été (Pont-à-Mousson)
Théâtre Ouvert (Paris)
Interkulturelle Theaterzentrum Itz e.V. (Berlin)
Teatr Dramatyczny M.St. Warszawy (Warsaw)
University of Arts Târgu-Mureș
Teatrul Odeon (Bucharest)
fabulamundi_europe
Creative Europe 2017 - 2020

Starting from March 2018 ECCOM becomes part of Fabulamundi Playwriting Europe - Beyond Borders?, a cooperation project involving theaters, festivals and cultural organizations from 16 European countries. The goal of the network is to support and promote contemporary dramaturgy in Europe, in order to consolidate and enhance the activities and strategies of the artists working in the sector, offering dramatists networking opportunities and promoting dialogue and professional growth.

Read more...
 
House of European History. Audience Developement strategy
PDF Print E-mail
Friday, 24 May 2019 10:26
There are no translations available.

Schermata_2019-05-24_alle_12.51.51

ECCOM received an assignment from the House of European History for the design of an audience development strategy. The House of European History is a project of the European Parliament, a reference museum on transnational phenomena that have shaped our continent with the aim of interpreting history from a European perspective.
VISION The home of European history aims to become the reference museum on transnational phenomena that have shaped our continent. Interpreting history from a European perspective, the House connects and compares common experiences and their different interpretations. It aims to promote the learning of transnational perspectives throughout Europe. DECLARATION ON MISSION The House of European History is a space favorable to learning, reflection and debate, open to all types of public, of every generation and origin. Our main mission is to improve the understanding of European history in all its complexity, encourage the exchange of ideas and put back the hypotheses in question. The House presents the history of Europe in a way that sensitizes the public to the multiplicity of perspectives and interpretations. It preserves shared memories as well as those that divide. Presents and collects the history of European integration and its foundations. The House of European History, which is a project of the European Parliament and which is part of its offer to visitors, is academically independent. Our transnational collection, our exhibitions and our programs offer unexpected and stimulating experiences. Through awareness-raising actions and partnerships, we aim to strengthen the European dimension in the debate, presentation and learning of history. The House of European History is a place for meetings and exchanges, which proposes a multi-faceted interpretation of the past, creating links with issues that matter for today's Europe.
The House of European History is a space for learning, reflection and debate, open to all types of public, of every generation and origin. Its main mission is to improve the understanding of European history in all its complexity, encourage the exchange of ideas and present the history of Europe through a multiplicity of perspectives and interpretations.
Therefore, an audience of audience development, already fundamental for any cultural institution, becomes even more imprescindible for a reality like the House of European History, so that culture and in this case our history become part of the life of citizens and communities.

ECCOM received an assignment from the House of European History for the design of an audience development strategy. The House of European History is a project of the European Parliament, a reference museum on transnational phenomena that have shaped our continent with the aim of interpreting history from a European perspective.

Read more...
 
MEMEX-MEMories and EXperiences for inclusive digital storytelling
PDF Print E-mail
Monday, 02 December 2019 09:03
There are no translations available.

MEMEX, finanziato da Orizzonte 2020 - Programma quadro di ricerca e innovazione, promuove la coesione sociale attraverso strumenti di narrazione collaborativi e relativi al patrimonio che forniscono accesso al patrimonio culturale tangibile e immateriale per le comunità a rischio di esclusione. Il progetto implementa nuove azioni per le scienze sociali per: comprendere le esigenze di tali comunità e progettare interfacce per soddisfare le loro esigenze; creare relazioni con il pubblico attraverso strategie di partecipazione, favorendo al contempo l'inclusione delle comunità. L’obiettivo sarà raggiunto attraverso strumenti ICT innovativi che forniscono un nuovo paradigma per l'interazione con il patrimonio per tutti gli utenti finali. MEMEX creerà nuove esperienze di Realtà Aumentata assistita (AR) sotto forma di storie che intrecciano i ricordi (espressi come video, immagini o testo) delle comunità partecipanti con i luoghi / oggetti fisici che li circondano. Per raggiungere questi obiettivi, MEMEX svilupperà tecniche per collegare (semi) automaticamente le immagini ai luoghi ad esse relativi e connettersi a un nuovo Knowledge Graph (KG) opensource, che faciliterà lo storytelling. Infine, le storie verranno visualizzate su smartphone da AR in cima al mondo reale, permettendo di raccontare una narrazione avvincente. MEMEX sarà testato su tre comunità:  le donne migranti di Barcellona, ​​che sollevano la questione del genere riguardo alla loro inclusione in CH, dando loro una voce per valorizzare i loro ricordi; gli abitanti del XIX distretto di Parigi, uno dei più grandi insediamenti di immigrati di Parigi; i migranti portoghesi di prima, seconda e terza generazione che vivono a Lisbona.
The partners
• FONDAZIONE ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA, 
IT
• ECCOM, IT
• MAPILLARY AB 
ARDITI - AGENCIA REGIONAL PARA O
• DESENVOLVIMENTO DA INVESTIGACAO, TECNOLOGIA E 
INOVACAO – ASSOCIACAO, 
PT
• NOHO LIMITED, IE
• EY ADVISORY SPA , IT
• MICHAEL CULTURE , FR
• FUNDACIO INTERARTS PER A LA COOPERACIO 
CULTURAL INTERNACIONAL, ES
• MAPA DAS IDEIAS - EDICOES DE PUBLICACOES LDA, PT

LOGO_HORIZON
memex_foto

ECCOM is a MEMEX partner, (MEMories and Experiences for inclusive digital storytelling) funded by Horizon 2020, the project aims to analyze the needs of communities at risk of exclusion and design collaborative/narrative tools to improve the accessibility of cultural heritage. ECCOM takes care of the evaluation of the project.

Read more...
 
Contested Desires
PDF Print E-mail
Monday, 08 July 2019 08:21
There are no translations available.

DESIDERI CONTESTATI (2019-2021) è un progetto finanziato dal programma Europa creativa dell'Unione europea. Usa le arti visive contemporanee come strumento per esplorare le nostre storie coloniali condivise e l'impatto che questo ha avuto sulla nostra comprensione della cultura europea.
DESIDERI CONTESTATI è una piattaforma di discussione e apprendimento, produzione ed esibizione, che rivela i complessi e radicati riverberi della colonizzazione, dell'occupazione e dell'annessione. DESIDERI CONTESTATI scopre i marcatori indicibili di identità e appartenenza e i desideri contestatori che definiscono e ridefiniscono il nostro patrimonio.
In un momento di crescente populismo di destra, CONTESTED DESIRES mira a sfidare l'effetto destabilizzante e divisivo dell'attuale panorama politico dell'Europa (e non solo) dove la risposta alle complessità, alla diversità e all'espansione delle nostre comunità europee continua ad essere ha incontrato il gioco di potere della paura, della discriminazione e dell'esclusione; dove i nostri confini diventano i nostri protettori e la nostra eredità il nostro luogo di rifugio.
Perché le nostre rispettive storie si caricano di idealismo e finzione in questo contesto? Cosa stiamo cercando di proteggere per noi stessi e di preservare dagli altri?
Come eredità dell'Anno europeo del patrimonio culturale, CONTESTED DESIRES utilizza le forze positive della cooperazione e della coproduzione per affrontare "l'autenticità" ei valori del patrimonio che condividiamo.
DESIDERI CONTESTATI è una piattaforma per artisti e operatori culturali che si impegnano con comunità e quartieri usando programmi di residenza e di scambio. DESIDERI CONTESTATI comprende un programma integrato di capacity building, residenze, mostre e presentazioni e uno strumento digitale dedicato per presentare e diffondere i risultati del progetto.
I DESIDERI CONTESTATI raggiungeranno i seguenti obiettivi:
· Creare una piattaforma internazionale che esplora il rapporto tra la cultura europea e il nostro patrimonio coloniale europeo condiviso;
· Creare un luogo per il dialogo interculturale tra artisti e pubblici locali e internazionali;
· Produrre opere che rispondano ai temi;
· Creare un programma di potenziamento delle capacità per formare artisti e operatori culturali all'interno e all'esterno del progetto.
CONTESTED DESIRES è supportato da una partnership di organizzazioni che abbracciano spazi per residenze, produttori, festival, sostegno settoriale e ricerca, ognuno dei quali lavora in contesti unici e stimolanti di colonialismo, annessione e occupazione. La partnership è cresciuta dall'impegno in reti culturali artistiche, europee e globali.
I partner sono:
D6: Culture in Transit, Newcastle, UK [Lead Partner)
ECCOM, Roma, Italia
Xarkis Festival lavora con il produttore Argyro Toumazou, Cipro
LAC, Lagos, Portogallo
La Bonne, Barcellona, ​​Spagna
Latte fresco, San Giorgio, Barbados

europa_creativa

Progetto_senza_titolo

ECCOM is a partner of Contested Desires (2019-2021), a project that uses contemporary visual arts as a tool to explore our shared colonial stories and the impact they have had on our understanding of European culture. Contested Desires is funded by the European Union's Creative Europe program.

Read more...
 
Brokering Migrants' Cultural Participation
PDF Print E-mail
Sunday, 22 June 2014 13:39
Brokering migrants’ cultural participation is a two-year project (2013-2015) funded by the European Commission-Directorate General Home Affairs.

The general aim of the project is to enhance and stimulate the cultural participation of migrants by improving the capacity of their local cultural public institutions to interact with them. Public cultural institutions are part of the receiving society, which has to live up to the challenge of managing cultural diversity and ensuring intercultural integration. Central to these tasks is the enhancement of the intercultural capacity of public cultural institutions by diversifying their staff and governance bodies. The project has the following specific objectives: a) to promote the engagement of the receiving communities in interacting with the migrants, based on the mutual respect of their rights, obligations and different cultures; b) to ensure equal treatment and improve diversity management in the public and private work places, service provision, education systems, media and other important arenas. Indeed, public cultural institutions are "important arenas" in which to promote equal treatment and improve diversity management. 
Read more...
 
«StartPrev12345NextEnd»

Page 1 of 5
Buona estate!
Friday, 07 August 2020

Image
There are no translations available.I nostri uffici saranno chiusi dal 10 al 23 agosto.Buona estate da tutti noi!Illustrazione di Valenzia Lafratta
Musei emotivi, l'intervento di Cristina Da Milano sul post Covid-19
Thursday, 30 July 2020

Image
There are no translations available.Scientifico MuseiEmotivi abbiamo iniziato a riflettere tra noi sulle sorti del museo e deciso di ascoltare i...
Read more...
Fabulamundi Effects. A European digital storytelling
Tuesday, 28 July 2020

Image
There are no translations available.Bando di selezione workshop FABULAMUNDI EFFECTS a european digital storytelling Nell’autunno 2020 Fabulamundi...
Read more...
Live Museum, Live Change, il 16 luglio ultimo appuntamento ai Mercati di Traiano
Monday, 13 July 2020

Image
There are no translations available.Live Museum Live Change accoglie ancora una volta il pubblico nei Mercati di Traiano: nel pomeriggio del 16...
Read more...
IV S·· L’unico difetto è la mia assenza, l'ultimo Atelier di Live Museum, Live Change
Monday, 13 July 2020

Image
There are no translations available.Claudio Beorchia si nutre dei commenti che i visitatori dei Mercati di Traiano affidano al web per scoprire il...
Read more...

News

Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio Pennacchia
Tuesday, 30 June 2020

Image
There are no translations available.Live Museum, Live Change. Il peso dell’effimera eternità, l'Atelier di Fabio PennacchiaIl 30 giugno Fabio Pennacchia apre l'Atelier Il peso dell'effimera eternità, l'opera pensata...
Read more...
Live Museum, Live Change. I Taccuini Botanici di Gaia Bellini
Monday, 22 June 2020

Image
There are no translations available.Con Taccuini botanici, Gaia Bellini esplora i Mercati di Traiano e li rilegge attraverso la natura che li vive. L’artista si ispira al concetto di libro come luogo di memoria e di...
Read more...
Live Museum, Live Change riparte con Dissezione Traiano
Friday, 12 June 2020

Image
There are no translations available.Gli Atelier di Live Museum, Live Change ripartono oggi con Dissezione Traiano, progetto teatrale dei Nontantoprecisi. Un laboratorio di 5 incontri che coinvolgerà 30 persone in un...
Read more...
The 2020 Charter of Rome, una carta per la partecipazione alla vita culturale nelle città
Wednesday, 03 June 2020

Image
There are no translations available.Presentata «The 2020 Charter of Rome», progetto per difendere i diritti culturali nel mondo: un documento che punta a portare avanti una serie di impegni per il diritto alla...
Read more...
Europa e Rete: le parole d'ordine per affrontare la crisi post-pandemia
Thursday, 28 May 2020

Image
There are no translations available. Parlare di internazionalizzazione delle imprese culturali in un momento di chiusura dei confini e di incertezza sulle libertà di movimento è un atto di coraggio. Cristina Da...
Read more...